SENTENZA N. 7251 DEL 29 MARZO 2006
Stampa Chiudi

PRESCRIZIONE E DECADENZA - PRESCRIZIONI PRESUNTIVE - VENDITA DI COSE DESTINATE AD USO PERSONALE – APPLICABILITÀ DELLA PRESCRIZIONE PRESUNTIVA DI CUI ALL’ART. 2955 N.5 C.C.
Ai fini dell'applicazione della prescrizione presuntiva annuale del diritto dei commercianti per il prezzo delle merci vendute prevista dall'art. 2955, n. 5, cod. civ., è necessario che il compratore non faccia commercio delle merci acquistate (indipendentemente dalla sua qualità o meno di commerciante), nel senso che egli deve destinarle al consumo od all'uso proprio e della propria famiglia, e non le destini, invece, in via immediata, al commercio con attività di scambio né a rendere possibile, a preparare e ad attuare il commercio esercitato professionalmente o la speculazione, anche singola, presumendosi, per l'appunto, che in tale tipo di rapporti, non essendo possibile ritrarre dalle merci il mezzo per pagare il prezzo in epoca più o meno vicina, il pagamento del corrispettivo avvenga immediatamente ed in unica soluzione, senza il rilascio di quietanza. (Nella specie, sulla scorta dell'enunciato principio, la S.C. ha rigettato il ricorso proposto e confermato la sentenza impugnata che aveva ritenuto - con accertamenti di fatto congruamente motivati - l'operatività della suddetta prescrizione presuntiva con riferimento al pagamento del prezzo relativo alla fornitura di carburante destinato esclusivamente al consumo e all'uso proprio dell’acquirente e della sua famiglia).
 
Testo Completo:

La sentenza è stata massimata, per la visualizzazione della massima  e del testo integrale della sentenza consultare la banca dati Italgiure-Web



Documenti:


Apri: Apri   Formato: htm