SENTENZA N. 4630 DEL 28 FEBBRAIO 2007
Stampa Chiudi

CONCORRENZA - ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE DA PARTE DI IMPRESA OPERANTE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI - RAPPORTO TRA AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO ED ALTRE AUTORITA'.
In tema di disciplina della concorrenza e del mercato, soltanto quando l'applicazione delle norme sulle intese restrittive della libertÓ di concorrenza, sull'abuso di posizione dominante o sulla concentrazione - di cui agli artt. 2, 3, 4 e 6 della legge 10 ottobre 1990, n. 287 - sia riservata, in via esclusiva, ad AutoritÓ diversa da quella garante della concorrenza e del mercato (come si verifica, ai sensi dell'art. 20, commi 1 e 2, della citata legge, in relazione ai comportamenti posti in essere da imprese operanti nei settori della radiodiffusione e dell'editoria e da aziende ed istituti di credito), Ŕ configurabile un'assoluta carenza di potere di quest'ultima AutoritÓ nel comminare sanzioni per abuso di posizione dominante, trovando altrimenti applicazione il comma 7 dello stesso art. 20, per il quale, quando i comportamenti richiamati sono tenuti da imprese operanti in settori sottoposti alla vigilanza di pi¨ AutoritÓ, ciascuna di esse pu˛ adottare i provvedimenti di propria competenza: provvedimenti che, ove emessi da una piuttosto che da un'altra AutoritÓ, sono pertanto affetti soltanto da vizio di incompetenza amministrativa, non giÓ da quello di carenza assoluta di potere, non configurabile in assenza di un divieto, espresso o tacito, di esercizio dei poteri di queste nel settore specifico da parte dell'AutoritÓ che ha competenze generali nella materia. Ne consegue, per un verso, che, ove il provvedimento sanzionatorio, in ordine a comportamenti violativi di regole della legge sulla concorrenza tenuti da parte di un'impresa con posizione dominante nel settore delle telecomunicazioni, sia stato adottato dall'AutoritÓ garante della concorrenza e del mercato, non Ŕ predicabile nŔ la nullitÓ nŔ l'inesistenza del provvedimento medesimo per carenza assoluta di potere, essendo questo emesso da una delle AutoritÓ investite di competenza concorrente; e, per l'altro, che Ŕ inammissibile il ricorso per cassazione il quale deduca come questione attinente alla giurisdizione la denuncia di violazioni di legge contenute nella sentenza del giudice amministrativo, per avere questa negato la pretesa nullitÓ o inesistenza del provvedimento sanzionatorio dell'AutoritÓ garante della concorrenza e del mercato e dichiarato la competenza amministrativa concorrente di tale AutoritÓ con quella dell'AutoritÓ per le garanzie nelle comunicazioni, atteso che il denunciato errore ermeneutico si traduce in un "error in iudicando", attinente all'esplicazione interna del potere giurisdizionale attribuito dalla legge al giudice amministrativo, ed Ŕ perci˛ inidoneo ad integrare una questione di giurisdizione.
 
Testo Completo: La sentenza Ŕ stata massimata, per la visualizzazione della massima e del testo integrale della sentenza consultare la banca dati Italgiure-web



Documenti:


Apri: Apri   Formato: htm