La Corte di Cassazione  Consiglio direttivo  Banche Dati  Prima Presidenza  Statistiche  Istituzioni Europee  Elezioni e Referendum  Servizio Novità
     Utenti Connessi: 7476
 
 
 
 
 
 
 
     
     
      URP
   sei in: Servizio Novità  >  Giurisprudenza Civile  >  Sezioni Unite
 ::  Questioni Decise  ::  Questioni Pendenti a cura dell'Ufficio del Massimario
 
Sentenza n. 15295 del 04/07/2014inserito il 08/07/2014
MORTE O PERDITA DI CAPACITÀ DELLA PARTE COSTITUITA A MEZZO DI DIFENSORE - OMESSA DICHIARAZIONE - NOTIFICAZIONE DELLA SENTENZA E DELL’IMPUGNAZIONE AL PROCURATORE –
LEGITTIMAZIONE AD IMPUGNARE DEL SUDDETTO PROCURATORE – CONDIZIONI E LIMITI.
Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio secondo cui, in caso di morte o perdita di capacità della parte costituita a mezzo di procuratore, l’omessa dich   »»
 
Sentenza n. 15296 del 04/07/2014inserito il 08/07/2014
CONTRIBUTI – TERMINE QUINQUENNALE INTRODOTTO DALLA LEGGE N. 335 DEL 1995 - CONTRIBUZIONE SCADUTA PRIMA DELL'ENTRATA IN VIGORE DELLA LEGGE - MANTENIMENTO DEL TERMINE DECENNALE - CONDIZIONI
Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio secondo cui ai contributi dovuti agli enti previdenziali dai lavoratori e datori di lavoro, relativi a periodi anteriori all’entrata in vigore della legge 8 agosto 1995, n. 335 (che ha ridotto il termine prescrizionale da di   »»
 
sentenza n. 13676 del 16/06/2014inserito il 17/06/2014
IMPOSTA DICHIARATA IN CONTRASTO CON IL DIRITTO COMUNITARIO – ISTANZA DI RIMBORSO – TERMINE DI DECADENZA – DECORRENZA – DAL VERSAMENTO.
Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio secondo cui, in caso di imposta dichiarata incompatibile con il diritto comunitario da una sentenza della Corte di giustizia in epoca successiva al versamento, il termine di decadenza per l’esercizio del diritto di rimborso,   »»
 
Ordinanza n. 11228 del 21/05/2014inserito il 22/05/2014
ORDINAMENTO GIUDIZIARIO - DISCIPLINARE MAGISTRATI - SANZIONE ULTERIORE DEL TRASFERIMENTO AD ALTRA SEDE OD UFFICIO
- OBBLIGATORIETA' ED AUTOMATICITA' PER LE VIOLAZIONI DI CUI ALL'ART. 2, COMMA 1, LETT. A), DEL D.LGS. N. 109 DEL 2006 - QUESTIONE DI LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE
Le Sezioni Unite hanno sollevato questione di legittimità costituzionale, con riferimento all’art. 3 Co   »»
 
Sentenza n. 11021 del 20/05/2014inserito il 21/05/2014
PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE CIVILE - SENTENZA CIVILE COLLEGIALE - MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL PRESIDENTE DEL COLLEGIO O DEL RELATORE - VIZIO CONFIGURABILE - NULLITA' SANABILE - FONDAMENTO
Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio secondo cui la sentenza collegiale del giudice civile priva di una delle due sottoscrizioni (del presidente del collegio ovvero del relatore) è affetta da nullità sanabile ai sensi dell’art. 161, primo comma, cod. proc. civ.   »»
 
Sentenza n. 10413 del 14/05/2014inserito il 15/05/2014
LAVORO PUBBLICO - INDENNITA' DI BUONUSCITA - COMMISURAZIONE - DIPENDENTE PUBBLICO CON QUALIFICA NON DIRIGENZIALE - RETRIBUZIONE PERCEPITA PER REGGENZA DI MANSIONI DI DIRIGENTE - COMPUTO - ESCLUSIONE
Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio secondo cui, nel regime regolato dagli art. 3 e 38 del d.P.R. n. 1032 del 1973, per la determinazione dell’indennità di buonuscita dei dipendenti pubblici che non abbiano conseguito la qualifica dirigenziale, va considerato,   »»
 
Sentenza n. 9560 del 02/05/2014inserito il 05/05/2014
TRIBUTI - TASSA DI CONCESSIONE GOVERNATIVA SUGLI ABBONAMENTI TELEFONICI CELLULARI - ABROGAZIONE - ESCLUSIONE - ENTI LOCALI - APPLICABILITA'
Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio secondo cui la tassa di concessione governativa sui telefonini non è abrogata ed è dovuta anche dagli enti locali, ai quali non si estende l’esenzione spettante all’Amministrazione dello Stato.    »»
 
Sentenza n. 8510 del 11/04/2014inserito il 17/04/2014
CONTRATTI - AZIONE DI INADEMPIMENTO EX ART. 1453, SECONDO COMMA, COD. CIV. - DOMANDA DI RISOLUZIONE PER INADEMPIMENTO PROPOSTA IN CORSO DI CAUSA
- ESTENSIONE DELLA MUTATIO ALLA CONSEGUENTE DOMANDA DI RISARCIMENTO DANNI - AMMISSIBILITA'
Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio secondo cui la parte che, ai sensi dell’art. 1453, secondo comma, cod. civ., chieda la risoluzione   »»
 
Sentenza n. 8053 del 07/04/2014inserito il 08/04/2014
RICORSO PER CASSAZIONE - NOVELLA EX ART. 54 DEL D.L. N. 83 DEL 2012 SUL RICORSO PER CASSAZIONE – AMBITO APPLICATIVO – IMPUGNAZIONE DELLA SENTENZA DELLA COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE – INCLUSIONE
Le disposizioni sul ricorso per cassazione, di cui all’art. 54 del d.l. n. 83 del 2012, conv. in legge n. 134 del 2012, circa il vizio denunciabile ex art. 360, n. 5, cod. proc. civ. ed i limiti d’impugnazione ex art. 348 ter cod. proc. civ., si applicano anche al ricorso avverso la sentenza della C   »»
 
Sentenza n. 8053 del 07/04/2014inserito il 08/04/2014
RICORSO PER CASSAZIONE - RIFORMULAZIONE DELL’ART. 360, N. 5, COD. PROC. CIV. AD OPERA DEL D.L. N. 83 DEL 2012 – PORTATA SISTEMATICA – INDIVIDUAZIONE
La riformulazione dell’art. 360, n. 5, cod. proc. civ. ad opera dell’art. 54 del d.l. n. 83 del 2012, conv. in legge n. 134 del 2012, implica la riduzione al “minimo costituzionale” del sindacato di legittimità sulla motivazione, per cui è denunciabile in cassazione solo l’anomalia motivazionale che   »»
 
Sentenza n. 8053 del 07/04/2014inserito il 08/04/2014
RICORSO PER CASSAZIONE - OMESSO ESAME EX ART. 360, N. 5, COD. PROC. CIV. NOVELLATO DAL D.L. N. 83 DEL 2012 – RILEVANZA – CONDIZIONI
L’art. 360, n. 5, cod. proc. civ., novellato dall’art. 54 del d.l. n. 83 del 2012, conv. in legge n. 134 del 2012, prevede, quale specifico vizio denunciabile per cassazione, l’omesso esame di un “fatto storico”, principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o dagli atti   »»
 
Ordinanza interlocutoria n. 8049 del 07/04/2014inserito il 08/04/2014
FAMIGLIA - SEPARAZIONE CONIUGI - PROPOSIZIONE DI DOMANDA ACCESSORIA DI MANTENIMENTO DEI FIGLI - FIGLI RESIDENTI IN ALTRO PAESE CE
- GIURISDIZIONE SULLA DOMANDA DI MANTENIMENTO DEI FIGLI - CRITERI - REGOLAMENTO CE N. 2201/2003 DEL 27 NOVEMBRE 2003 E L'ART. 3, LETT. C) E D) DEL REGOLAMENTO CE N. 4/2009 DEL 18 DICEMBRE 2008 - INTERPRETAZIONE - RIMESSIONE ALLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
   »»
 
Sentenza n. 7305 del 28/03/2014inserito il 04/04/2014
PROPRIETA' - AZIONI A DIFESA - RICHIESTA DI RILASCIO DI BENE DETENUTO SINE TITULO DEL QUALE L'ATTORE ASSUMA DI ESSERE PROPRIETARIO SENZA CHIEDERE L'ACCERTAMENTO DELLA PROPRIETA'
- NATURA DELL'AZIONE - RIVENDICAZIONE O AZIONE PERSONALE - CONDIZIONI - LIMITI
Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio per cui le difese di carattere petitorio opposte ad un’azione di rilascio o consegna non determinano la tr   »»
 
Sentenza n. 7169 del 26/03/2014inserito il 27/03/2014
TRIBUTI - IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI – CONTO CORRENTE POSTALE INTESTATO AL CONCESSIONARIO DELLA RISCOSSIONE – SERVIZIO DI ACCENSIONE E TENUTA – ONEROSITÀ
Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio per cui il concessionario della riscossione dell’imposta comunale sugli immobili (ICI) deve pagare a Poste Italiane s.p.a. un corrispettivo per il servizio di accensione e tenuta del conto corrente sul quale i contribuenti p   »»
 
Sentenza n. 6312 del 19/03/2014inserito il 21/03/2014
EQUA RIPARAZIONE - RITARDO DELLA P.A. NEL PAGAMENTO DELL'INDENNIZZO RICONOSCIUTO IN DECRETO PINTO ESECUTIVO
- ESECUZIONE FORZATA - ULTERIORE INDENNIZZO - CONFIGURABILITA' - RICORSO FORME E TERMINI EX LEGE N. 89 DEL 2001 - ESCLUSIONE - RICORSO DIRETTO ALLA CEDU - NECESSITA' - MANCATO ESPERIMENTO DELL'AZIONE ESECUTIVA - IRRILEVANZA
Le Sezioni unite hanno enunciato il princ   »»
 
Sentenza n. 5700 del 12/03/2014inserito il 14/03/2014
EQUA RIPARAZIONE - RICORSO - TERMINE PER LA NOTIFICA DEL RICORSO E DELL'UNITO DECRETO DI FISSAZIONE DELL'UDIENZA
- PERENTORIETA' - ESCLUSIONE - OMESSA OD INESISTENTE NOTIFICA - NUOVO TERMINE - AMMISSIBILITA'
Le Sezioni unite hanno enunciato il principio secondo il quale in tema di equa riparazione per violazione della durata ragionevole del processo, il termine per la notific   »»
 
Sentenza n. 5087 del 05/03/2014inserito il 07/03/2014
POSSESSO - AZIENDA - NOZIONE - POSSESSO UNITARIO - CONFIGURABILITA' - USUCAPIONE - AMMISSIBILITA'
Le Sezioni unite hanno enunciato il principio secondo il quale, ai fini della disciplina del possesso e dell’usucapione, l’azienda, quale complesso dei beni organizzati per l’esercizio dell’impresa, deve essere considerata come un bene distinto dai singoli componenti, suscettibile di essere unitaria   »»
 
Sentenza n. 3774 del 18/02/2014inserito il 26/02/2014
IMPUGNAZIONI CIVILI - RICORSO PER CASSAZIONE - RIGETTO INTEGRALE DELL'IMPUGNAZIONE
- RADDOPPIO DEL CONTRIBUTO UNIFICATO EX ART. 13, COMMA 1 QUATER, DEL D.P.R. N. 115 DEL 2002 - DECORRENZA - NOTIFICA DEL RICORSO - RILEVANZA
In tema di raddoppio del contributo unificato in caso di rigetto, inammissibilità o improcedibilità dell’impugnazione, le    »»
 
Sentenza n. 2907 del 10/02/2014inserito il 14/02/2014
OPPOSIZIONE A SANZIONE AMMINISTRATIVA - APPELLO
- REGIME INTERMEDIO TRA IL DLG. N. 40 DEL 2006 E IL D.LGS. 150 DEL 2011 - FORMA DELL'ATTO - CITAZIONE - ERRONEA UTILIZZAZIONE DEL RICORSO - SANATORIA - LIMITI E CONDIZIONI
Le Sezioni unite hanno enunciato il principio secondo il quale, nel regime intermedio tra il   »»
 
Sentenza n. 2403 del 04/02/2014inserito il 06/02/2014
VIOLAZIONE DEI LIMITI ESTERNI DELLA GIURISDIZIONE – CONTROLLO DELLA CORTE DI CASSAZIONE – AMBITO – VERIFICA DELLA CONFORMITÀ DELLA DECISIONE AL DIRITTO DELL’UNIONE EUROPEA –ESCLUSIONE.
Le Sezioni Unite civili hanno affermato il principio secondo il quale il controllo, da parte della Corte di cassazione, del superamento del limite esterno della giurisdizione non include la verifica della conformità della decisione (nella specie, del giudice amministrativo) al diritto dell’Unione eu   »»
 
Sentenza n. 585 del 14/01/2014inserito il 15/01/2014
EQUA RIPARAZIONE - NON RAGIONEVOLE DURATA DEL PROCESSO - PROCESSO CIVILE PRESUPPOSTO - CONTUMACIA DELLA PARTE - SPETTANZA
Le Sezioni unite – a composizione di un contrasto - hanno enunciato il principio secondo il quale la contumacia della parte non preclude il riconoscimento del diritto all’equa riparazione per irragionevole durata del processo.    »»
 
Ordinanza Interlocutoria n. 441 del 13/01/2014inserito il 14/01/2014
OCCUPAZIONE ACQUISITIVA – ACQUISIZIONE SANANTE EX ART. 42 BIS DEL D.P.R. N. 237 DEL 2001 – QUESTIONE DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE.
Le Sezioni unite – sollevando la relativa questione innanzi alla Corte costituzionale - hanno dichiarato rilevante e non manifestamente infondata la questione di costituzionalità dell’art. 42 bis del T.U. approvato con d.P.R. n. 327 del 2001 (introdotto dall’art. 34 del d.l. n. 98 del 2011, converti   »»
 
Ordinanza Interlocutoria n. 442 del 13/01/2014inserito il 14/01/2014
OCCUPAZIONE ACQUISITIVA – ACQUISIZIONE SANANTE EX ART. 42 BIS DEL D.P.R. N. 237 DEL 2001 – QUESTIONE DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE.
Le Sezioni unite – sollevando la relativa questione innanzi alla Corte costituzionale - hanno dichiarato rilevante e non manifestamente infondata la questione di costituzionalità dell’art. 42 bis del T.U. approvato con d.P.R. n. 327 del 2001 (introdotto dall’art. 34 del d.l. n. 98 del 2011, converti   »»
 
Sentenza n. 61 del 07/01/2014inserito il 09/01/2014
ESECUZIONE FORZATA - PIGNORAMENTI RIUNITI E INTERVENTI TITOLARI - CADUCAZIONE DEL TITOLO DEL CREDITORE PROCEDENTE - SORTE DEL PROCESSO ESECUTIVO
Le Sezioni unite, a composizione di un contrasto, hanno enunciato il principio secondo il quale nel processo di esecuzione forzata, a cui partecipino più creditori concorrenti, le vicende relative al titolo esecutivo del creditore procedente (sospensione, sopravvenuta inefficacia, caducazione, estin   »»