Menu di sezione

Primo Presidente

 

 


Dott. Pietro Curzio Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione dal 20 luglio 2020
CURRICULUM VITAE

PIETRO CURZIO
È nato il 5 marzo 1953, a Bari, città in cui ha studiato frequentando la facoltà di Giurisprudenza, in cui insegnavano, fra gli altri, Nicolò Lipari, Mario Bretone, Gino Giugni, Edoardo Ghera, Luca Buttaro, Pasquale Del Prete, Renato Dell’Andro, Luigi Ferrari Bravo e Franco Cipriani.
Si è laureato nel 1975, discutendo una tesi sul contratto collettivo di lavoro, relatore il Professor Gino Giugni, di cui è divenuto allievo, collaborando con lui per trent’anni anche nella scrittura del manuale di diritto del lavoro sul quale si sono formate generazioni di studenti.
È entrato in magistratura nel 1978: Pretore del mandamento di Ruvo di Puglia, poi Pretore del lavoro di Bari, quindi sostituto procuratore della Repubblica. Nel 2000 passa in Corte d’appello, in qualità di consigliere della Sezione lavoro. Nel 2007 accede alla Corte di cassazione: per un primo periodo è consigliere della seconda Sezione penale, poi della Sezione lavoro. Diviene quindi componente delle Sezioni unite civili. Nel 2016 viene nominato Presidente di Sezione. Nel 2018 diviene Presidente Titolare della Sesta Sezione civile e infine nel 2020 della Sezione lavoro.
È stato componente del “Comitato scientifico” del Consiglio Superiore della Magistratura, curando anche i rapporti internazionali con la rete per la formazione dei magistrati europei. Ha collaborato stabilmente, in qualità di consulente, con la Scuola Superiore della Magistratura, sin dalla sua costituzione.
Ha insegnato in varie università e fa parte del comitato di redazione di alcune riviste scientifiche. Presiede da trent’anni la Sezione di Bari del Centro Nazionale studi di diritto del lavoro “Domenico Napoletano”.
È autore di circa cento saggi in materia di diritto del lavoro, diritto processuale civile, diritto costituzionale, diritto penale e ordinamento giudiziario.
Ha creato e dirige la collana “Biblioteca di cultura giuridica” per i tipi dell’Editore Cacucci (Bari).
È stato nominato Primo Presidente della Corte di cassazione il 15 luglio 2020.